www.marchispa.it

Le Notizie

Grana Padano vs Parmigiano Reggiano

Commenti disabilitati su Grana Padano vs Parmigiano Reggiano

Scelta storica tra eccellenze del territorio.

Grana Padano e Parmigiano Reggiano: due formaggi stagionati, due Denominazioni di Origine Protetta e due tradizioni antiche che creano due tra i prodotti italiani più famosi e utilizzati al mondo.

Ma il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano presentano oltre che molte similitudini, anche elementi di diversità, sia nel metodo di produzione, sia nel risultato finale.

Provenienza di Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Il documento che regola la produzione del Parmigiano Reggiano è molto chiaro circa la provenienza del latte di partenza (esclusivamente da mucche alimentate a foraggio fresco e fieno) e l’assoluta integrità del prodotto finale, che presenta al suo interno solo latte, sale e caglio (di origine animale). Il Grana Padano invece, avendo alla base latte proveniente da bovine alimentate con insilati (piante stoccate in silos) può prevedere l’utilizzo di lisozima, una proteina naturale estratta dall’uovo con funzione antibatterica. In realtà, vista la vastità dell’area in cui il Grana viene prodotto (tutta la Pianura Padana, dalla Lombardia al Piemonte, dal Trentino Alto Adige all’Emilia Romagna e Veneto) e il numero di diversi produttori che possono forgiarsi di tale Denominazione di Origine Protetta, si possono trovare produzioni che non ne fanno uso, garantendo un prodotto più naturale, al pari del Parmigiano Reggiano (è il caso, ad esempio, delle produzioni del Trentino).

Il Parmigiano viene prodotto prevalentemente in Emilia Romagna, nelle province di Parma, Reggio Emilia, Bologna, Modena e una parte anche nella provincia lombarda di Mantova.

Processi produttivi e stagionatura

Un’altra differenza tra di due formaggi è la modalità di utilizzo del latte: se il Parmigiano utilizza il latte di due diverse mungiture (lasciando riposare naturalmente il latte della mungitura serale e aggiungendo quello della mattina) e può prevedere un unica lavorazione giornaliera, il Grana può essere lavorato anche due volte al giorno con il latte di una sola mungitura (parzialmente scremato per affioramento). Ciò permette al Grana di risultare leggermente più magro del Parmigiano.

Altra importante differenza è la stagionatura: nel caso del Parmigiano si va da un minino di 12 mesi ad un massimo di 36 per lo stravecchio, mentre nel caso del Grana la stagionatura minima è di 9 mesi (per un massimo di 24). Ciò permette al Grana Padano di avere un posizionamento sul mercato un po’ più basso a livello di prezzo.

Il gusto a confronto

Se per molti la scelta di gustare e utilizzare il Parmigiano Reggiano o il Grana Padano è una questione di gusto, per chi lavora in cucina e utilizza questi pregiati ingredienti per i propri piatti è una scelta più delicata, che va ponderata e fatta con oculatezza a seconda del piatto che vogliamo creare. Il Parmigiano si presenta con una consistenza leggermente più asciutta, con un grado di sapidità più spiccato e con fragranze di fieno e erbe maggiori, che vanno via via modificandosi con l’aumento dei mesi di stagionatura.  Il Grana Padano ha una consistenza leggermente più umida, presenta un grado di morbidezza e burrosità al palato più alta e un’attitudine più fondente. Specialmente nel caso del Grana è possibile incontrare sfumature diverse anche nelle caratteristiche organolettiche, considerata l’ampia area in cui viene prodotto.

Entrambi questi capolavori italiani hanno ottime proprietà nutritive: qui troverete la tabella nutrizionale di Parmigiano Reggiano, mentre a questo link quella del Grana Padano.

E voi quale utilizzate? Avete una preferenza o scegliete di volta in volta il formaggio più adatto ai vostri piatti?

Contattateci per avere maggiori informazioni sull’assortimento proposto da Marchi!

Carne suina Marchi

Commenti disabilitati su Carne suina Marchi

La tradizione garantisce la qualità

Le nostre carni avicole hanno una storia lunga secoli. I nostri polli, faraone, tacchini e oche non sono solo animali da cortile ma sono il frutto di una accurata ricerca e selezione delle razze avicole più antiche, frutto di un allevamento tradizionale tipico delle case contadine venete.

Nella produzione di carne suina la nostra azienda mette a frutto tradizioni lontane, frutto del rispetto della cultura contadina, per ottenere il massimo benessere e rispetto per l’animale e la più alta qualità della carne di maiale.

La scelta dei capi di bestiame è scrupolosa e proviene esclusivamente da allevamenti veneti, vicini alla nostra sede. I suini Marchi derivano da un unico ceppo genetico e vengono allevati con un’alimentazione controllata e bilanciata, nel rispetto dei naturali tempi di crescita degli animali.

Per il trasporto dei capi, ci affidiamo ad autotreni guidati da autisti esperti che rendono il meno traumatico possibile il percorso dei suini fino alla nostra sede, utilizzano anche box di sosta per alleggerire il tragitto e la fatica del trasporto agli animali. Qui gli spazi hanno dimensioni variabili ma sempre adeguate ai capi di bestiame; inoltre viene mantenuta la divisione dei suini per garantire la provenienza e la tracciabilità completa della carne. Gli animali vengono trattati con rispetto e attenzione in ogni singola fase del trasporto, sia per assicurare il migliore “viaggio” per gli animali, sia perchè la carne di suini meno stressati risulta di qualità maggiore.

Il nostro metodo di macellazione prevede un iter “lento”, in tutte le sue fasi: 4 volte inferiore rispetto ai tempi di un macello classico. Anche questo aspetto è fondamentale per consentire una qualità rilevante nel prodotto finale. Come avveniva nelle case contadine di un tempo, la lavorazione delle carni è lenta, scrupolosa e accurata, per assicurare tagli, frollatura e porzionatura eccellenti, come un vero e proprio rito antico. Tutte le operazioni di sezionamento e selezione dei tagli avvengono ad una temperatura controllata di 12°, per ottenere un rapido raffreddamento della carne. Ciò permette di aumentare notevolmente la resistenza della carne alla frollatura, ottenendo una carne suina di qualità, nel pieno rispetto della tradizione veneta.

Non hai ancora provato la qualità della carne suina Marchi? Scrivici qui per essere contattato da un nostro agente!

L’importanza della brigata di sala

Commenti disabilitati su L’importanza della brigata di sala

Ruoli e caratteristiche di chi completa il lavoro dello chef

Spesso quando parliamo di grandi ristoranti, di cucine che soddisfano i gusti dei clienti e di aziende del settore della ristorazione che funzionano ci riferiamo prevalentemente allo chef e al personale di cucina. Ma l’esperienza che un cliente vive nel nostro ristorante è fatta di incontri, accoglienza, consigli, servizio, cortesia, oltre che di pietanze cucinate a regola d’arte. Il lavoro svolto dalla brigata di sala è fondamentale affinché il cliente, o meglio l’ospite, viva una esperienza autentica e completa, dal momento dell’arrivo al momento in cui lascia il nostro locale. Lo chef Michel Guérard ricorda che «Una cucina cattiva vale il 100 per cento dell’esperienza, una cucina buona ne vale il 48, perché il restante 52 è dato da altro».

Chi è la brigata di sala?

Il personale di sala deve essere adeguato alle dimensioni del locale e anche al tipo di servizio che si intende offrire ma possiamo individuare comunque una struttura gerarchica del personale di sala:

Maître

Si occupa di dirigere il servizio in sala e ne è responsabile, collabora anche con lo chef per la creazione del menù e per l’abbinamento con i vini (insieme al sommelier), coordina la gestione delle comande e di tutto il personale che ha il contatto diretto con i clienti.

Cosa deve saper fare? Oltre alle doti più tecniche (come la conoscenza della cucina e dei vini, la conoscenza di almeno un paio di lingue e della gerarchia nel ristorante) deve essere empatico, capace di relazionarsi al meglio sia con i colleghi, sia con i clienti. Deve essere multitasking e capace di risolvere i problemi in breve tempo, o addirittura di prevenirli.

Chef de rang

Si occupa di una determinata area del ristorante e cura il rapporto con il cliente: dalle ordinazioni, al mantenimento dell’ordine e pulizia ai tavoli (cambio posate, tovagliato, bevande, ecc), alla consegna delle portate.

Cosa deve saper fare? Deve avere ottime doti comunicative e saper gestire al meglio anche i momenti di maggiore stress (senza far ricadere la cosa sui clienti). Attento ai dettagli e capace di anticipare il bisogno, lo chef de rang dovrebbe sempre trovare il modo giusto per risultare piacevole al cliente (non è detto che il cliente voglia un cameriere super chiacchierone…)

Commis de rang

Figura presente solo nei ristoranti più grandi e strutturati, è alle dirette dipendenze dello chef de rang e si occupa prevalentemente del trasporto dei piatti dalla cucina ai tavoli, oltre che di aiutare in ogni faccenda legata all’ordine il capocameriere.

Cosa deve saper fare? Velocità e precisione sono le sue caratteristiche primarie. Deve avere ben chiaro il suo ruolo all’interno della gerarchia della sala per evitare disordini e sovrapposizioni. Attenzione e cura del dettaglio sono le caratteristiche che lo trasformano in un aiuto cameriere prezioso e irrinunciabile.

Sommelier

Figura oggi molto conosciuta, è colui che si occupa di vino e bevande e, insieme al Maître, ne decide gli acquisti creando la carta dei vini. Ha un ruolo decisivo con molti clienti che si affidano ai suoi consigli e proposte per la scelta di una buona etichetta.

Cosa deve saper fare? Deve avere una approfondita conoscenza del settore beverage e una passione per la cucina. Solo chi gusta in ogni sfumatura le portate proposte potrà, infatti, abbinare i vini migliori e esaltarne le qualità. Il Sommelier avrà maggiore successo se alle sue doti comunicative aggiungerà anche buone tecniche di vendita (senza esagerare).

Receptionist

É chi si occupa di gestire le prenotazioni e chi accoglie i clienti e li accompagna ai tavoli. Il primo biglietto da visita con un nuovo cliente è proprio il receptionist che può trasmettere già in una telefonata sensazioni più o meno positive. Anche la semplice gestione dei tavoli a volte riserva spiacevolissimi episodi e merita una grande attenzione.

Cosa deve saper fare? Dimostrare (anche al telefono) cortesia, disponibilità e accoglienza, caratteristiche da mantenere ovviamente nel momento in cui il cliente entra nel locale. Può inoltre cercare di facilitare il lavoro del resto della squadra, con una corretta gestione degli orari di prenotazione e disposizione dei clienti nei tavoli.

E nei vostri ristoranti avete individuato queste figure chiave?

Carni avicole Marchi

Commenti disabilitati su Carni avicole Marchi

Eccellenze nel piatto dalle razze più antiche

Le nostre carni avicole hanno una storia lunga secoli. I nostri polli, faraone, tacchini e oche non sono solo animali da cortile ma sono il frutto di una accurata ricerca e selezione delle razze avicole più antiche, frutto di un allevamento tradizionale tipico delle case contadine venete.

Il sistema di allevamento delle carni avicole

Il pollo a collo nudo, la faraona, il cappone “de casada”; la tacchina “bronzata” e l’oca nostrana sono qualitativamente superiori non solo tanto per le loro origini ma anche per il sistema di allevamento che prevede un’alimentazione equilibrata con assenza certificata di OGM nei mangimi, e un approccio “rurale”. I nostri animali, cresciuti in fattorie della zona pedemontana, vivono in piccoli gruppi e hanno ampi spazi a disposizione, con personale qualificato che li accudisce costantemente.

Come una volta

I nostri polli e capponi, le nostre tacchinelle e oche hanno l’opportunità di vivere come nei più tradizionali dei sitemi agricoli, con la possibilità di muoversi liberamente, migliorando la resistenza fisica, la forza e la qualità delle loro carni. Evitare lo stress di allevamenti industriali intensivi, significa avere rispetto degli animali, della tradizione e soprattuto riuscire a produrre carni avicole per la ristorazione di qualità, garantendo proprietà organolettiche e nutrizionali ottimali.

L’utilizzo di mangimi esclusivamente vegetariani, controllati e certificati, inoltre, permette uno sviluppo e una crescita naturalmente lunga, sinonimo di qualità e genuinità.

L’etichetta, carta di identità

Tutti i nostri prodotti avicoli possiedono un’etichetta che specifica tutto il percorso produttivo, garantendone la tracciabilità delle carni e garantendo qualità e caratteristiche di gusto impareggiabili.

Stiamo lavorando per voi!

Commenti disabilitati su Stiamo lavorando per voi!

Grandi novità in casa Marchi: ampliamenti dei magazzini e nuove opportunità.

Il nostro obiettivo primario è quello di dare un servizio eccellente ai nostri clienti, scegliendo con cura i prodotti alimentari di maggiore qualità e organizzando un sistema distributivo di alimenti e ingredienti freschi che soddisfi appieno le necessità e i desideri dei nostri clienti.

Ascoltiamo i vostri consigli

Da una recente ricerca di mercato che abbiamo commissionato per conoscere i pareri dei nostri clienti è emerso che i fattori chiave che fanno di Marchi un partner affidabile sono ampiezza di gamma e qualità dei prodotti, oltre che l’assistenza del personale di vendita, mentre i principali desiderati sono una efficenza e puntualità nelle consegne. Per questo motivo abbiamo deciso di realizzare una profonda trasformazione in termini di organizzazione degli spazi e della logistica, ampliando la nostra capacità di gestire un elevato numero di prodotti alimentari per ristoranti e migliorando notevolmente la capacità di delivery di ingredienti freschi, secchi e surgelati.

Lavoriamo per offrire un servizio più efficiente

Da qualche mese stiamo lavorando per un importante ampliamento strutturale che coinvolgerà l’area dedicata alla logistica e alle spedizioni, un nuovo reparto per la lavorazione delle carni fresche e il reparto dedicato alle celle per gli alimenti freschi. Questo tipo di trasformazione ci permetterà di offrire un servizio più efficiente, una gestione e selezione di prodotti più vasta e un alto livello di personalizzazione del servizio (altro punto chiave emerso dalle interviste ai nostri clienti).

Durante l’estate dovrebbero concludersi i lavori strutturali ed è prevista per inizio autunno una importante fase di test, perchè la qualità e la funzionalità è data dalla cura del più piccolo dettaglio.

Restate in contatto per saperne di più!

Vi lasciamo con un po’ di curiosità e con qualche immagine dei lavori che stiamo eseguendo, con la stessa cura e passione che mettiamo nel selezionare, trasportare e consegnare i migliori prodotti per le vostre cucine!

Carne rossa di Bovino Marchi

Commenti disabilitati su Carne rossa di Bovino Marchi

La tracciabilità di un prodotto di qualità

La carne rossa bovina trattata dalla nostra azienda proviene da un gruppo di allevatori composto da 150 soci, tra privati e cooperative, attivi su tutte le province venete che garantiscono una produzione annua di oltre 50.000 bovini da carne. Una rete professionale e competente che riesce a garantire un prodotto di alta qualità e aiuta a mantenere in attività una filiera regionale di oltre 360 aziende agricole.

Da dove arriva la carne rossa bovina Marchi?

I nostri bovini nascono in Francia, paese dalla lunga trazione di allevamenti a pascolo. Ancora oggi le migliori razze di bovino provengono da questa nazione, in cui l’allevamento è una delle principali voci dell’economia. Attenzione alla selezione delle razze di bovini, tradizione nella cura del bestiame e esperienza nella zootecnia, contribuiscono a creare un prodotto di qualità eccellente che diventa carne bovina superior grazie ad un sistema di allevamento e alimentazione non intensivo portato avanti e concluso in Italia.

Alimentazione sana e Km 0, i segreti di una carne di qualità

I bovini seguono una alimentazione controllata ed equilibrata per tutta la loro crescita. La razione alimentare di ciascun capo è studiata da tecnici alimentaristi nel rispetto della fase di vita dell’animale ed è composta da prodotti esclusivamente vegetali provenienti da una speciale linea no OGM, con l’aggiunta di integratori privi di grassi animali. Tra i componenti principali dell’alimentazione vi è anche il Selenio organico, elemento nutrizionale naturale e molto importante che permette una tenuta ed una freschezza della carne più duratura rispetto agli allevamenti che non prevedono questo tipo di elemento.

Gli allevamenti da cui ci riforniamo si trovano tutti a distanza classificabile come KM 0. Questo è un dato a cui teniamo molto per almeno tre ragioni:

  • evitare viaggi lunghi e stressanti agli animali garantisce qualità e salubrità nel prodotto finale acquistato, oltre che rispettare il benessere del bestiame;
  • evitare lunghi trasporti ha un impatto ambientale importante che permette alla nostra carne di essere un prodotto maggiormente sostenibile;
  • lavorare con allevamenti vicini, ci permette di avere maggiore controllo e soprattutto sostenere e accrescere l’economia e la produttività delle aziende della nostra regione.

Infine, la macellazione dei capi avviene entro e non oltre i 18 mesi di vita garantendo quindi una carne giovane, tenera e particolarmente saporita.

Caratteristiche della nostra carne rossa bovina

  • un colore chiaro
  • una consistenza tenera e fresca, dovuta alla giovane età del bovino
  • Il sapore equilibrato (grazie all’età di macellazione, all’alimentazione dell’animale e alla genetica di provenienza)

Per maggiori informazioni sulla nostra produzione di carne bovina contattateci, e vi faremo scoprire un mondo di gusto!

La Federazione Italiana Cuochi si occupa di postura

Commenti disabilitati su La Federazione Italiana Cuochi si occupa di postura

La Federazione Italiana Cuochi affronta l’argomento della corretta postura

Una questione spinosa per molti addetti al settore

Durante l’Assemblea Nazionale della Federazione Italiana Cuochi andata in scena ad aprile a Treviso, è stato realizzato un corner dedicato alla corretta postura nella professione del cuoco, con il dott. Mario Sirico, la Dott.ssa Valeria Agosti e Massimo Lillia di misuralapostura

La causa di dolori articolari e muscolari

Il problema della corretta postura durante le molte ore di lavoro di uno chef non è un’aspetto da tralasciare, perchè un errato o poco attento utilizzo del proprio corpo può portare a danni anche importanti del proprio sistema scheletrico-muscolare.  La prolungata posizione eretta, il lavoro fisicamente stressante, l’organizzazione degli spazi di lavoro a volte non ottimale, la necessità di sollevare pesi consistenti, la ripetizione di alcuni gesti sono solo le più frequenti cause di dolori articolari e muscolari.

Da una ricerca del 2000 della Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro si evince che quasi il 55% degli addetti al settore Horeca dell’Unione Europea dichiara che il proprio lavoro comporta posizioni dolorose o affaticanti (in confronto al 45% di tutti i settori), con un picco di lamentele riguardo il sollevamento di carichi troppo pesanti (il 43% contro il 36% del totale settori) e di fastidiosa ripetitività dei movimenti di mani e braccia (il 64% contro il 56% del totale settori). Le zone del corpo più sofferenti sono risultate la schiena (con dolori dorso-lombari), il collo, gli arti superiori (11,5%) e gli arti inferiori (17,6%).

Come migliorare la situazione posturale

Oltre a organizzare al meglio i propri spazi di lavoro e, nel caso di dolori costanti, farsi seguire da professionisti del settore medico-posturale, ci sono altri accorgimenti che possono migliorare la situazione posturale:

  • evitare di rimanere per lungo tempo in estensione (in una posizione non comoda)
  • evitare piegamenti dei polsi o l’estensione verso l’alto delle dita
  • evitare di ripetere lo stesso movimento a lungo, o intervallarlo con altri movimenti
  • cercare di “spezzare” il tempo trascorso in posizione eretta
  • limitare la flessione della schiena, soprattuto per alzare carichi consistenti.

In conclusione

Un analisi medica dettagliata delle vostre problematiche e degli esercizi specifici per ridurre l’impatto di alcuni “errori” è un primo passo per vivere al meglio la propria professione.

E voi? Avete mai prestato attenzione alla vostra postura durante la vita da chef?

I salumi del Veneto e di Sauris

Commenti disabilitati su I salumi del Veneto e di Sauris

Viaggio tra le eccellenze della nostra regione e del vicino Friuli

Scegliamo solo il meglio per i nostri clienti e cerchiamo di portare nelle vostre cucine i migliori prodotti del nostro territorio. Con questo spirito vi proponiamo tre salumi di eccellenza, tutti da scoprire.

Il Prosciutto Veneto Dop

E’ nel cuore dei Monti Berici che nasce una delle eccellenze gastronomiche della nostra regione: il Prosciutto Veneto che nel 1996 ha ricevuto dall’Unione Europea la  certificazione DoP (Denominazione di Origine Protetta). Il Prosciutto Veneto Dop si caratterizza per la sua dolcezza e per il metodo produttivo che rispetta antiche tradizioni, garantendo fragranza e una tipica colorazione rosata.

Dalla scelta delle cosce, provenienti da allevamenti certificati, alla delicata attività della salatura, che prevede un rapporto peso/sale ottimale per il giusto compromesso tra sapidità e dolcezza; dalla stuccatura con ingredienti naturali che preservano la morbidezza del prosciutto ai metodi di stagionatura tradizionali (almeno 12 mesi), tutto il percorso di produzione del Prosciutto Veneto Dop è un’opera d’arte gastronomica che crea un salume dal gusto e dal profumo unico. Una tradizione lunga secoli, che ancora oggi trasforma un prodotto di qualità in un’esperienza di gusto indimenticabile.

Il Prosciutto di Sauris

Poco più di 200 Km separano il Prosciutto Veneto Dop ad altre eccellenze riconosciute in Italia e all’estero. Sauris, piccolo borgo in provincia di Udine, racchiude una lunga tradizione di produzione di salumi, e il marchio Wolf ne è una delle massime espressioni. Prosciutto di Sauris Igp,  ma anche ossocollo, salame e speck di sauris vengono prodotti con passione dal gruppo Wolf fin dal 1862. Il profumo e il gusto originale e inconfondibile del prosciutto di Sauris Igp è frutto di lavorazioni tradizionali e di una tecnica di affumicatura unica. Il legno di faggio, la lentezza e il rispetto dei tempi  e l’affumicatura a freddo conferiscono al prodotto una dolcezza e un profumo che si sprigiona ad ogni fetta. La denominazione Igp (Indicazione Geografica Protetta) garantisce un prodotto eccellente e diverso da tutti i prosciutti italiani.

La Soppressa Vicentina Dop

Un’altra tipicità tutta veneta è la Soppressa Vicentina Dop. Salume che fonda le sue origini nelle cantine dei contadini veneti, è un insaccato di carne di suino dal diametro di circa 10-12 centimetri, che utilizza il budello naturale, dal gusto vellutato e persistente. L’utilizzo di spezie e (a volte) dell’aglio e di una stagionatura di almeno 3-4 mesi in ambienti ventilati, amplifica l’aroma della carne creando un prodotto unico nel suo genere. La Denominazione di Origine Protetta, non solo garantisce un prodotto di qualità e dalle caratteristiche organolettiche inimitabili, ma certifica la provenienza della materia prima (tutti suini allevati nel territorio Vicentino).

Con salumi di questa qualità non rimane altro che sperimentare: antipasti, primi e secondi piatti, i salumi veneti e di Sauris diventeranno gli ingredienti chiave per ricette sorprendenti.

Non li avete ancora provati? Contattateci e vi faremo scoprire queste delizie del nostro territorio!

I nostri mezzi arrivano lontano

Commenti disabilitati su I nostri mezzi arrivano lontano

Per raggiungervi con velocità e sicurezza abbiamo scelto di affidarci ad un parco mezzi aziendale

Il nostro lavoro è molto delicato. La scelta delle migliori materie prime e dei più genuini ingredienti per le vostre preparazioni in cucina deve essere garantita da un trasporto efficace, affidabile, veloce e rispettoso dei più alti standard di sicurezza e igiene. Grazie ad una approfondita ricerca sulla soddisfazione dei nostri clienti abbiamo avuto la conferma che la puntualità, la corretta gestione degli alimenti e dei tempi di consegna, sono punti imprescindibili che meritano la nostra più scrupolosa attenzione. Per questo abbiamo scelto di integrare un completo parco mezzi per la consegna degli alimenti per ristoranti nella nostra azienda, perchè la qualità deve essere mantenuta ai massimi livelli durante tutto il suo percorso per arrivare alle vostre cucine.

30 mezzi, tra camion, furgoni e camion frigorifero…

…compongono il nostro parco mezzi aziendale e, assieme all’organizzazione logistica del nostro magazzino, ci permettono di offrirvi la massima cura nella gestione degli ingredienti, oltre che il rispetto dei tempi di consegna previsti.

L’attenzione che mettiamo nel selezionare le migliori proposte dei produttori italiani è per noi una missione, è un valore che permea tutta la nostra attività e poter garantire un magazzino perfettamente organizzato e un sistema di trasporto flessibile, puntuale e efficiente, ci aiuta a portare avanti il nostro obiettivo: offrirvi il meglio nel miglior modo possibile.

La nostra azienda è fatta di persone che collaborano attivamente e si pongono come partner fidati. Potervi offrire un rapporto umano costante e affidabile anche con chi arriva nei vostri ristoranti a consegnare i nostri prodotti è per noi molto importante, perchè ci aiuta ad instaurare una relazione proficua fatta di fiducia e confronto.

Il nostro sistema distributivo arriva capillarmente nelle province di Vicenza, Padova, Treviso, Rovigo e Belluno con consegne quotidiane di alimenti per la ristorazione freschi o surgelati.

Vuoi conoscerci meglio? Lasciaci i tuoi recapiti e ti verremo a trovare! 

Contattaci

meeting nazionale FIC

Commenti disabilitati su meeting nazionale FIC

Partnership e riconoscimento per Marchi SpA al meeting nazionale della Federazione Italiana Cuochi

é andata in scena il 4 e 5 aprile 2016 a Treviso l’Assemblea Nazionale della Federazione Italiana Cuochi, che da quest’anno diventa itinerante scegliendo di volta in volta una sede regionale diversa. Grandi nomi del panorama gastronomico italiano e interessanti approfondimenti sull’arte culinaria italiana al BHR di Treviso, per uno scambio di vedute e una crescita che coinvolge i migliori cuochi italiani e i più importanti partner e fornitori.

Abbiamo avuto il piacere di partecipare a questo importante evento e l’onore di veder riconosciuto il nostro impegno quotidiano e la nostra passione, ottenendo il prestigioso riconoscimento come sostenitori della Federazione Italiana Cuochi del Veneto. Essere riconosciuti come un valido supporto, come distributori alimentari qualificati e come consiglieri fidati dall’eccellenza degli chef italiani è per noi motivo di orgoglio e una vera carica di energia, per proseguire la nostra volontà di essere sempre più presenti e sempre più indispensabili.

La convention nazionale della Federazione Italiana Cuochi è stata, anche quest’anno, un momento importate per riflettere insieme sugli sviluppi e sulle possibilità di crescita che le nuove tecnologie offrono al nostro settore, approfondendo tematiche relative ai cooking show 3.0.

Inoltre il corner gestito dal Dott. Sirico e dalla Dott.ssa Agosti ha saputo affrontare in maniera coinvolgente e proficua la problematica della postura scorretta nella professione del cuoco.

Particolarmente interessante Il Buffet delle Regioni con proposte culinarie tradizionali e rivisitate con creatività e personalità dagli chef coinvolti.

Un ringraziamento speciale agli organizzatori dell’evento, che con passione e professionalità si dedicano a questi importanti momenti di condivisione, e a chi ha voluto premiare il nostro lavoro!